L’importanta dei microbreak per il rendimento sul lavoro

Fare una breve pausa può migliorare la produttività durante una dura giornata di lavoro, lo suggerisce un nuovo studio della NorthCarolina State University. Un team della North Carolina State University ha scoperto che un “microbreak” di cinque minuti è sufficiente per migliorare l’acutezza mentale e aiutare i dipendenti a combattere la stanchezza.

In un articolo pubblicato su The Journal of Applied Psychology, Sofia Cho professoressa di psicologia presso la North Carolina State University, insieme ai suoi colleghi hanno hanno esaminato due studi che esplorano i microbreaks condotti prima che la pandemia COVID-19 chiudesse la maggior parte degli uffici.
“Un microbreak è, per definizione, breve“, afferma Cho “Ma una pausa di cinque minuti può essere d’oro se la prendi al momento giusto.”

Tuttavia, allontanarsi dal computer durante il giorno, anche solo per pochi minuti, li ha aiutati a raccogliere abbastanza energia per completare le attività e migliorare il loro umore.
Il team suggerisce di preparare una tazza di caffè o di giocare durante questo periodo per aiutarti a rilassarti e distogliere la mente dalle attività legate al lavoro.

I microbreaks possono includere un numero qualsiasi di attività, anche quando si lavora da casa, come fare uno spuntino, lavorare su un cruciverba o giocare con un animale domestico.

I questionari sottoposti per lo studio

Sono stati sottoposti a quasi 100 lavoratori statunitensi, chiedendo loro di compilare due sondaggi al giorno per 10 giorni lavorativi, uno al mattino e uno alla fine della giornata. 

I questionari riguardavano la qualità del sonno, il livello di affaticamento, l’impegno lavorativo e le loro esperienze lavorative generali quel giorno.

In un secondo studio simile, 222 dipendenti in Corea del Sud hanno ricevuto tre sondaggi per cinque giorni consecutivi: uno al mattino, uno dopo pranzo e uno alla fine della giornata.

Nei giorni in cui i lavoratori arrivavano al lavoro stanchi, tendevano a fare microbreaks più spesso.

Quelle brevi pause li hanno aiutati a mantenere il loro livello di energia, hanno scoperto i ricercatori, il che li ha aiutati a completare le attività lavorative e a sentirsi meglio con il loro lavoro.

Gli autori, che includevano ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore e dell’Università dell’Illinois, Urbana-Champaign, hanno anche scoperto che le persone erano più disposte a fare microbreaks se sentivano che il loro datore di lavoro era preoccupato per il loro benessere.

“Quando le persone pensano che il loro datore di lavoro si preoccupi della loro salute, si sentono più autorizzate a prendere liberamente decisioni su quando prendere microbreaks e che tipo di microbreaks prendere”, ha detto Cho.

“È nel miglior interesse di un’azienda dare ai dipendenti autonomia in termini di assunzione di microinterruzioni quando sono necessarie”, ha aggiunto.

“Aiuta i dipendenti a gestire efficacemente le proprie energie e a impegnarsi nel proprio lavoro durante la giornata.”

Anche l’utilizzo del telefono può funzionare come un microbreak, supponendo che non sia per lavoro.

Uno studio del 2014 ha rilevato che le persone che hanno fatto delle pause con lo smartphone durante il giorno erano più felici e più produttive al lavoro.

Secondo i ricercatori della Kansas State University, solo un minuto o due di Candy Crush o Facebook hanno aiutato i dipendenti a liberarsi da situazioni di stress.

Hanno installato un’app che misurava dozzine di utilizzo dello smartphone da parte delle persone durante l’orario di lavoro e, alla fine di ogni giornata lavorativa, chiedevano loro di registrare come si sentivano.

I dipendenti che si sono presi delle pause con lo smartphone erano più felici alla fine della giornata lavorativa.

“Interagendo con amici o familiari tramite uno smartphone o giocando a un gioco breve, abbiamo scoperto che i dipendenti possono riprendersi da parte del loro stress per rinfrescare la mente e fare una pausa”, ha detto Sooyeol Kim, uno studente di dottorato in scienze psicologiche e autore dello studio.
Kim ha scoperto che i soggetti trascorrevano in media solo 22 minuti su una giornata di otto ore giocando sui loro dispositivi.

“Se giocassi a un gioco per un’ora durante la mia giornata lavorativa, danneggerebbe sicuramente le mie prestazioni lavorative”, ha detto Kim.

“Ma se faccio brevi pause di uno o due minuti durante il giorno, potrebbe fornirmi ristoro per svolgere il mio lavoro.”

Fare una pausa durante la giornata lavorativa è importante perché è difficile concentrarsi per otto di fila.

I lavoratori che pensano di “farcela” potrebbero dare rendimenti decrescenti, ha detto Kim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...