Le persone in sovrappeso tra i 20 ei 30 anni hanno il doppio delle probabilità di avere problemi di memoria

Gli individui in sovrappeso, ipertensione o diabete in età giovane hanno potrebbero avere il doppio delle probabilità di sviluppare problemi cognitivi e di memoria in tarda età. I Ricercatori statunitensi hanno analizzato i dati sanitari su 15.000 persone, esaminando l’impatto dei fattori di rischio cardiovascolare sulla capacità cognitiva più avanti nella vita. I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Neurology .

Hanno scoperto che un alto indice di massa corporea e la pressione sanguigna nella prima età adulta possono raddoppiare il tasso di declino cognitivo, mentre i livelli elevati di glucosio nel sangue lo aumentano di cinque volte.

“Questi risultati sono sorprendenti e suggeriscono che la prima età adulta può essere un momento critico per la relazione tra questi problemi di salute e le capacità cognitive della tarda età”, ha detto l‘autore dell’articolo e neurologo Kristine Yaffe dell’Università della California, San Francisco. 

Nel loro lavoro, il professor Yaffe e colleghi hanno analizzato i risultati raccolti da quattro studi precedenti che insieme hanno esaminato la salute di circa 15.000 persone di età compresa tra 18 e 95 anni, seguite ciascuna per un periodo compreso tra 10 e 30 anni. I dati includevano almeno tre letture dell’indice di massa corporea (BMI) del soggetto, i livelli di glucosio nel sangue, la pressione sanguigna e il colesterolo. Inoltre, le capacità cognitive di ogni persona sono state testate circa ogni uno-due anni.

Per quei soggetti che erano più anziani quando i loro dati sono stati raccolti, i ricercatori hanno estrapolato i loro fattori di rischio cardiovascolare – come la pressione sanguigna e il BMI – per quando erano più giovani.

Nella loro analisi, il team ha cercato di vedere se avere problemi cardiovascolari in età diverse – in particolare l’età adulta, la mezza età e la tarda età – portava a un maggiore declino nel pensiero della tarda età e nelle capacità di memoria.
Il team ha scoperto che alti livelli di BMI o di pressione sanguigna in uno qualsiasi dei tre periodi analizzati hanno portato a un maggiore calo delle capacità cognitive negli anni da senior, ma gli effetti peggiori sono stati osservati quando questi si sono manifestati all’inizio dell’età adulta. 

In particolare, ciò ha portato a raddoppiare il tasso medio di declino cognitivo nel corso di dieci anni e i pochi casi in cui le persone avevano livelli elevati di glucosio nel sangue tra i 20 ei 30 anni hanno portato a un aumento di circa cinque volte del tasso di declino. .
Il team ha scoperto che i risultati erano validi anche quando si sono adeguati ad altri fattori che potrebbero potenzialmente avere un impatto sulla cognizione, inclusi età, livello di istruzione e sesso.

Non è stato riscontrato che alti livelli di colesterolo totale in nessuna delle tre fasi della vita analizzati siano collegati a un maggiore declino delle capacità di pensiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...